Sicurezza informatica aziendale

Consigli pratici e indicazioni per aumentare la sicurezza informatica della propria attività o impresa.

sicurezza-informatica-antivirus-firewall-malware-spam.jpg

Gestire la sicurezza informatica della propria azienda è questione spesso sottovalutata ma dovrebbe essere un imperativo non solo per le imprese di grosse dimensioni ma anche per le Pmi. I dati relativi a ordini e fatturato, gli elenchi dei clienti, i piani strategici e di investimento, e ancora i dati personali dei dipendenti, le loro e-mail, i numeri di carte di credito, dei conti bancari aziendali e così via vanno tenuti il più possibile al sicuro.

Secondo una ricerca di Cisco Italia i maggiori rischi arrivano più di frequente dall’interno dell’azienda, non nel senso di dipendenti in malafede, ma perché senza una corretta informazione e senza verifiche sui processi di controllo, i comportamenti superficiali o disattenti sono causa di falle per la sicurezza IT delle imprese.

Si pensi che in base alla citata ricerca i dipendenti che dichiarano di utilizzare la rete della propria azienda per scopi personali sono il 58% nel caso del personal banking e dello shopping online e il 45% per l'uso dei social network. Quindi per migliorare la sicurezza aziendale innanzitutto bisogna migliorare l’informazione interna, rendendo i dipendenti consapevoli dei rischi che possono arrecare anche senza volerlo.

Simantec e Kaspersky, altre due tra le principali aziende su scala globale che si occupano di sicurezza informatica, contano 4 milioni di attacchi online al giorno e 1 su 3 ha come bersaglio le piccole e medie imprese, i cui sistemi sono considerati più facili da penetrare.

Acquistare device, antivirus di ultima generazione e altri software che non presentino falle nella sicurezza, magari informandosi da uno specialista, è un primo passo, così come quello di aggiornare i sistemi operativi dei propri strumenti informatici ed evitare software pirata che sono tra le cause più diffuse di problemi di sicurezza per le imprese. Da tenere presente poi che una password debole provoca il 31% dei crimini informatici secondo Trustwave, altra nota azienda di sicurezza informatica.

Per la sicurezza della rete wi-fi aziendale però una buona password può non bastare. Sarebbe meglio usare reti separate per le connessioni di servizio e quelle di gestione e cambiare spesso le password di accesso alle reti e ai nostri dispositivi specie quando si cambia il "parco macchine" o anche solo un Pc e/o le smart-tv, uno dei Cavalli di Troia più usati dagli hacker.

Foto via | OpenComItalia

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO