Recupero crediti Pmi

L’impresa deve poter contare su esperti in grado di far fronte a tutte le questioni legate alla gestione dei crediti.

recuperocreditipmi

Il recupero dei crediti, sia verso la pubblica amministrazione sia verso i privati, da parte delle Pmi (Piccole e medie imprese) è un elemento strategico delle policy aziendali ancora di più nei periodi di crisi economica, quando l’allungamento dei tempi di incasso delle fatture può provocare seri problemi di liquidità, per non parlare dei mancati pagamenti.

L’impresa deve perciò potersi avvalere di un rete di esperti, interni o esterni, in grado di fronteggiare tutte le questioni legate alla gestione dei crediti, per tagliare i tempi previsti per l’incasso, per un efficace recupero giudiziale e stragiudiziale e per ridurre al contempo il più possibile gli oneri legati al recupero dei crediti.

Secondo una ricerca di Confapi (su un campione di 2.400 imprese associate) riferita all’anno 2014 e relativa all’annoso problema dei ritardo dei pagamenti della pubblica amministrazione verso le imprese, solo il 39,29% delle Pmi che vanta crediti nei confronti dello Stato ha fatto richiesta di certificazione del proprio credito, contro un 60,71% che non l'ha fatto.

Per districarsi nel mondo del recupero crediti esistono anche portali internet specializzati che offrono assistenza e servizi alle piccole e medie imprese, per proteggere i propri crediti nei rapporti commerciali.

È il caso di CreditPMI, per imprese con poche fatture da riscuotere. Dopo essersi registrati sul sito www.creditpmi.it l’utente può caricare direttamente online le fatture da incassare avvalendosi di un gruppo di esperti che gestirà per lui la pratica, con lo stato di avanzamento visibile online in tempo reale.

In ogni caso la situazione del ritardo nei pagamenti in Italia tra Pmi e fornitori mostra miglioramenti secondo un recentissimo rapporto realizzato dal Cerved che ha preso in considerazione 100.000 imprese. Certo in Italia, la puntualità con cui le imprese degli altri Paesi europei saldano i propri fornitori è ancora un miraggio, ma mel corso del 2014 e nella prima parte del 2015 i ritardi nei pagamenti sono stati meno gravosi che in passato.

Le Pmi (137.046 in Italia, 113.387 piccole e 23.659 medie secondo i criteri UE) hanno pagato con più puntualità i propri fornitori rispetto al passato e rispetto alle grandi imprese che impiegano mediamente due settimane in più per saldare i propri conti (o perché così hanno pattuito o perché semplicemente ritardano a pagare). Nello stesso periodo di tempo sono risultati in calo anche i mancati pagamenti delle Pmi verso i fornitori pari al 19,2%, in leggera diminuzione rispetto allo stesso periodo del 2014 per il valore più contenuto dai primi mesi del 2012.

Foto via | ilmediatorecivile.net

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO