Dati Istat, giugno 2015: occupati in calo, disoccupazione al 12,7%

Meno 22 mila occupati nel mese di giugno, il tasso di disoccupazione torna a crescere

istat-blogo-pmi.jpg

Sono stati appena comunicati i dati Istat relativi all'occupazione nel mese di giugno 2015. Il numero di occupati è calato rispetto al mese precedente. Se ad aprile si era registrata la crescita dello 0,6% e a maggio il calo dello 0,3%, a giugno gli occupati sono diminuiti dello 0,1% (-22 mila).

Il tasso di occupazione, pari al 55,8%, cala nell'ultimo mese di 0,1 punti percentuali. Rispetto a giugno 2014, l'occupazione è in calo dello 0,2% (-40 mila), mentre il tasso di occupazione rimane invariato.

Da segnalare, in particolare, che il calo dell’occupazione riguarda i più giovani: gli occupati 15-24enni sono diminuiti del 2,5% rispetto a maggio (-22 mila). Il tasso di occupazione giovanile, pari al 14,5%, è diminuito di 0,3 punti percentuali rispetto al mese precedente. È aumentato, invece, il tasso di disoccupazione: è pari al 44,2%, +1,9 punti percentuali rispetto al mese precedente.

dati-istat-occupati.jpg

A giugno 2015 il tasso di disoccupazione è cresciuto di 0,2 punti percentuali rispetto al mese precedente, arrivando al 12,7%. Nei dodici mesi il numero di disoccupati è aumentato del 2,7% (+85 mila) e il tasso di disoccupazione di 0,3 punti percentuali. (l'aumento è dell'1,7% su base mensile).

Inoltre il numero di individui inattivi tra i 15 e i 64 anni è diminuito nell'ultimo mese (-0,1%, pari a -18 mila) con tasso di inattività pari al 35,9% (su base annua gli inattivi sono diminuiti dello 0,9% e il tasso di inattività di 0,2 punti). Questo significa che l'aumento del numero di disoccupati negli ultimi 12 mesi è associato ad una crescita della partecipazione al mercato del lavoro, testimoniata dalla riduzione del numero di inattivi.

Rispetto ai tre mesi precedenti, nel periodo aprile-giugno 2015 sono in crescita sia il tasso di occupazione (+0,1 punti percentuali) sia il tasso di disoccupazione (+0,1 punti), a fronte di un calo del tasso di inattività (-0,2 punti).

tasso-disoccupazione-istat.jpg

Per quanto riguarda l'indice del clima di fiducia dei consumatori, espresso in base 2010=100, nel mese di luglio 2015 si registra un calo rispetto a giugno: da 109,3 a 106,5.

Diminuiscono tutte le componenti del clima di fiducia dei consumatori: variazioni più marcate si rilevano per il clima economico e per quello futuro, che passano rispettivamente a 127,9 da 138,6 e a 114,6 da 119,2. Il clima personale e quello corrente diminuiscono in maniera più contenuta attestandosi rispettivamente, a 99,5 da 100,0 e a 101,7 da 103,3.

Riguardo al clima di fiducia delle imprese, sale a 110,0 da 109,2 il clima delle imprese dei servizi di mercato e a 106,5 da 105,9 quello delle imprese del commercio al dettaglio, mentre scende a 103,6 da 103,9 quello del settore manifatturiero e a 117,6 da 119,7 quello delle costruzioni.

  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE NEWS DI BLOGO